Landi, “archivi” di memoria collettiva  Gli Archivi di Regina Landi sono teche appese al muro, realizzate e organizzate secondo un'attenta visione architettonica e stipate di un'infinità di piccoli oggetti, a loro volta frutto di lunga e paziente ricerca e raccolta di materiali quotidiani, tracce sottili di un tempo passato e recuperato, che trovano qui nuova collocazione in un ordinato impianto di incasellamento ed associazione. Con misterioso potere evocativo, questi Archivi si trasformano in piccole incursioni nella memoria collettiva, nello spazio mentale indefinito fra ricordo e sogno, fra realtà e poesia, offrendo un punto di vista solo lievemente discosto da quello abituale, eppure capace di suscitare percezioni nuove, che hanno il sapore nostalgico dell'infanzia perduta, o di qualcosa di più indefinito che ci sfugge. Giocattoli e chincaglierie, formine e passamanerie, matite e gessetti, animali, statuine, piccole nature morte, materiali di cancelleria, divengono materia prima di un gioco combinatorio e associativo, che non disdegna ironia e disincanto e che asseconda il bisogno di ordine mentale, partecipando al contempo alla costruzione di composizioni in cui valori pittorici e architettonici convergono, tra astrazione e figurazione. Giovanna Galli  copyright 2012   Regina Landi     partita iva 030603900983     corso G. Matteotti 40, Brescia